Alimentare il QL è facile?

Salve a tutti,

oggi parliamo di come si può alimentare il nostro amato QL se non siamo più in possesso dell’alimentatore originale o se non lo abbiamo proprio.

Prima di continuare però mi è obbligo dirvi che fare un alimentatore da zero non è alla portata di tutti ma bisogna per forza avere un po’ di manualità elettrotecnica e saper usare il saldatore, insomma è per gli entusiasti del fai da te !!

Di base il nostro QL è un apparecchio elettronico a bassa tensione, per cui partendo dalla tensione domestica di 220 A.C alternata (ovvero che ogni 50esimo di secondo cambia polarità sui due conduttori canonici,) dovremmo necessariamente abbassarla a valori più modesti e farla poi diventare una tensione continua cioè con polarità positiva su un filo e negativa sull’altro; c’è una eccezione nel nostro QL che oltre a questi due conduttori positivo e negativo necessita di un terzo filo con la presenza di una tensione ancora alternata di circa 15 volt!

La tensione di 9 volt è quella che poi sulla scheda madre del QL viene ancora abbassata al valore di 5 volt per tutti i circuiti integrati mentre viene condotta integra sul connettore a 64 poli delle espansioni; i 15 volt alternati invece vengono trasformati in due tensioni di -12 volt e +12 volt che vengono usate per le porte seriali e per alimentare il circuito video. Non è possibile usare la sola tensione di 9 volt per usare il QL perché il circuito video pilotato dal chip MC1377P necessita di 12 volt continui per pilotare le uscite video!

Lo schema di base di un alimentatore così descritto è questo:

La componentistica in questo schema è molto facile da trovare anche su Amazon per esempio e consta di queste parti:

TR1 è un trasformatore con primario 220V a.c. e secondario di 15 V a.c.: https://www.amazon.it/dp/B07JW3YG1S/ref=cm_sw_em_r_mt_dp_U_3VpMCbGGBAPPY

B1 è un ponte raddrizzatore che trasforma la tensione alternata in continua insieme a C1 e C2 che sono condensatori: codice ponte diodi KBU1010 https://www.amazon.it/dp/B0725VPYYB/ref=cm_sw_em_r_mt_dp_U_7XpMCbVA5W0MJ ; I condensatori sono C1 da 4700microfarad, C2 da 100 nanofarad e C3 da 470 microfarad

IC1 è un componente che abbassa la tensione in ingresso ad un valore consono al nostro QL ovvero 9volt; in questo frangente usiamo un regolatore switching con uscita regolabile che ha dalla sua efficienza e modernità: https://www.amazon.it/dp/B01B7BQZJK/ref=cm_sw_em_r_mt_dp_U_LZpMCbAPA89KR ; nel caso si voglia rimanere su un elemento lineare il componente è L7809 in case TO-3 (amazon non li ha…)

C3 aiuta IC1 a tenere stabile la tensione in uscita.

Il connettore da inserire nella presa di alimentazione del QL è ovviamente da fabbricare anche esso ma qui ci viene in aiuto… una ventola per PC!

Infatti le ventole che di solito sono dentro i PC che servono per raffreddare la Cpu o altre parti hanno un connettorino a tre poli che ci viene incontro 😀

Questo in foto è uno modificato da me che entra perfettamente nella presa: ffff

Una volta sagomato entra bene e solo nel verso giusto e quindi al riparo da eventuali inversioni di tensione!!

Per informazione i tre pin del connettore partendo da sinistra a destra sono così individuati:

1 – 15 v alternati (sono in verità circa 16,5…)

2 – massa comune

3 – 9 volt continui (sono circa 10..)

La massima corrente erogabile dall’alimentatore originale è di circa 2 ampere, mentre con i componenti indicati essa può raggiungere i 3 ampere abbondanti; la spesa massima è dovuta essenzialmente dal trasformatore, ma non dovreste superare i 30 euro totali.

Spero che con queste informazioni, chi possiede un QL ma non ha l’alimentatore (ma ha un amico elettronico! 😀 ) possa tornare a far rivivere e lavorare il suo amato computer vintage!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *